top of page
  • Immagine del redattoreNola

"Chernobyl!"

Lo sviluppo del carcinoma tiroideo è un processo complesso in cui giocano un ruolo importante sia fattori genetici che fattori ambientali.

Fra i fattori ambientali, figurano gli incidenti nucleari, tra i quali il disastro di Chernobyl, avvenuto il 26 aprile 1986, è quello che ci ha riguardato maggiormente per vicinanza geografica.

Gli scienziati in questi 33 anni hanno studiato gli effetti che il disastro nucleare di Chernobyl ha provocato sulla popolazione Ucraina e, più in generale, sulle popolazioni colpite dalla nube radioattiva, ivi compresa l'Italia.

In diversi Paesi, Italia compresa, si è registrato un incremento dell'incidenza del carcinoma tiroideo. Tale fenomeno è spiegato, in parte, dalla sovradiagnosi, conseguente all'aumentata consapevolezza dei problemi tiroidei con relativa aumentata medicalizzazione, e, in parte, proprio dal disastro nucleare di Chernobyl (quota di carcinomi indotti dalle radiazioni).

Infatti da alcuni studi risulta un possibile nesso di causa - effetto fra la nube radioattiva e l'incidenza del carcinoma tiroideo in Ucraina e in Paesi ad essa confinanti, soprattutto in pazienti pediatrici.

Per quanto riguarda l'Italia, invece, i dati non sono univoci, coesistendo opinioni diametralmente opposte.

Per quanto mi riguarda, ho sentito diverse volte colleghi rispondere "Chernobyl!" di fronte alla classica domanda del paziente "Perché mi è venuto un tumore della tiroide?".

Anche a voi è successo?

Spero di leggere commenti in merito la vostra esperienza, professionale o personale!



56 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

1 Comment


redazione
redazione
Apr 28, 2019

Personalmente ho sentito dire "Chernobyl" a un medico qualche anno fa (inizi anni 90) riguardo il tumore di mia mamma. Lo disse credo istintivamente, non so quali elementi potesse avere e se sono stati dimostrati collegamenti tra quel tipo di tumori e l'incidente nucleare. Di sicuro, quando ho scoperto l'anno scorso il mio carcinoma tiroideo e, da profano, ho letto in rete le possibili cause, sono rimasto molto stupito nel leggere che oltre alla predisposizione genetica, la principale è l'esposizione alle radiazioni. Subito cercai di ricordare quali fossero state le situazioni in cui potessi aver ricevuto così tante radiazioni da generare un tumore, ma ricordai solo qualche radiografia tanto tempo fa. Così ho pensato a quali radiazioni non "volontarie" ho…

Like
bottom of page